Il timore di perdere il controllo, l’angoscia di attentati terroristici: la paura di volare colpisce un numero crescente di persone, e le cause sono le più diverse. Si preferisce quindi viaggiare con altri mezzi di trasporto, il treno, l’auto o la nave. Il 67% delle persone non ama infatti prendere l’aereo perché ha la sensazione di non avere il controllo del mezzo e della situazione, mentre il 77% teme un possibile attentato, e il 69% preferisce spostarsi in un luogo non troppo lontano dalla propria residenza. E con mezzi alternativi come il treno (37%) o altri mezzi su strada (45%). Solo in pochi amano prendere l’aereo per raggiungere le mete dei loro viaggi (17%).

“Per molti l’esperienza del volo è vissuta con uno stato emotivo terribile”

È quanto emerge da un sondaggio realizzato da Eurodap, l’Associazione europea disturbi da attacchi di panico, a cui hanno risposto 568 persone di ambosessi dai 25 ai 65 anni.

“In un mondo in cui tutto va veloce, compresi gli spostamenti – spiega la psicoterapeuta Paola Vinciguerra, direttore scientifico di Bioequilibrium e presidente di Eurodap – il mezzo di trasporto per elezione è ormai l’aereo perché permette lunghi spostamenti in breve tempo. Per molti, però, l’esperienza del volo è spesso vissuta con uno stato emotivo terribile, notevole ansia, preoccupazione, paura, fino al vero e proprio panico. Sono dati allarmanti, quindi è necessario tentare di risolvere, o almeno imparare a gestire questa forte ansia, che conduce alla paura di volare”.

Consigli e rimedi per migliorare i viaggi ad alta quota

Ecco allora alcuni consigli e rimedi pratici dello staff di Bioequilibrium, specializzato nella cura dello stress, per migliorare il viaggio ad alta quota. Il primo è chiedere informazioni a bordo: a volte può succedere che a scatenare la paura siano interpretazioni erronee di normali avvenimenti collegati al volo, quindi informarsi potrebbe essere utile a diminuire l’ansia. Secondo consiglio è evitare sostanze eccitanti prima del volo, come ad esempio il caffè, riporta Askanews. Terzo consiglio, pensare ad altro. Evitare, quindi, di pensare ossessivamente al volo alimentando così ansia e paura.

Riposare prima di partire, e affidarsi al personale di bordo

Non meno importante è imbarcarsi adeguatamente riposati. E tentare di dormire in maniera regolare nei giorni precedenti alla partenza, perché la mancanza di sonno potrebbe accentuare lo stato di alterazione fisiologica legata alla paura del volo. Una volta a bordo, affidarsi al personale: stuart e hostess, infatti, sono perfettamente addestrati a intervenire, e sanno come aiutare chi ha paura.

Ultimo rimedio, frequentare un corso ad hoc

La paura di volare colpisce 7 italiani su 10