In uno scenario economico nazionale che non sempre appare roseo, per fortuna arriva anche qualche buona notizia. Questa volta si tratta del delicato tema del lavoro. La good news degli ultimi tempi rivela che pare essere tornati in tema occupazione ai tempi pre-crisi. Il mercato del lavoro, in progressivo miglioramento soprattutto nel secondo trimestre 2018, sembra proprio in fase di ripresa. A rilevarlo sono i dati che emergono dall’ottava Nota Trimestrale che l’Istat, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, l’Inps, l’Inail e l’Anpal hanno appena pubblicato sui rispettivi siti web.

Crescono le domande per tutte le tipologie professionali

L’analisi relativa al mondo del lavoro, recentemente diffusa dall’agenzia di stampa AdnKronos, evidenzia che, fortunatamente, aumentano i tassi di occupazione in tutti i settori. Sono in crescita sia i dipendenti a tempo indeterminato (+ 34 mila) sia a tempo determinato (+53 mila). Sempre l’Istat rileva che questo sviluppo riguarda uomini e donne di ogni categoria professionale, con un positivo annullamento delle differenze di genere. Inoltre, bisogna sottolineare un altro dato significativo: l’impennata occupazionale sta conoscendo un momento di potenziamento in un contesto di lieve rallentamento della crescita del Pil rispetto al ritmo registrato nei due trimestri precedenti (+0,2% in termini congiunturali e +1,2% su base annua). Dati che fanno ben sperare per il mercato del lavoro in generale e per una accelerazione dell’aumento del Pil.

Il trend dello sviluppo del mercato del lavoro

Un altro dato significativo da evidenziare è rappresentato dal fatto che il lavoro dipendente a tempo determinato è in fase di crescita per il nono trimestre consecutivo (+361 mila). Le posizioni a tempo indeterminato sono in fase ascendente per il secondo trimestre consecutivo, seguendo ritmi più accentuati per un aumento delle trasformazioni: le posizioni lavorative a tempo indeterminato presentano una crescita nei dati sia delle CO (+64 mila posizioni) sia dell’Inps (+57 mila posizioni). Per quanto riguarda le posizioni a termine, queste sono in crescita ininterrotta dal secondo trimestre 2016. Le aperture di posizione a tempo determinato sono pari all’80,3%, in aumento rispetto al 78,2% registrato nel secondo trimestre del 2017. Secondo la fonte Inps-Uniemens che include il lavoro in somministrazione e a chiamata, si conferma un ulteriore incremento del tempo determinato (+335 mila su base annua); le posizioni lavorative a tempo indeterminato presentano una crescita nei dati sia delle Comunicazioni Obbligatorie (+64 mila posizioni) sia dell’Inps (+57 mila posizioni).

Occupazione in aumento, a livelli pre-crisi